Internet Better Business

Ieri giornata all’Auditorium Santa Apollonia di Firenze per l’evento Internet Better Business organizzato da Fondazione Sistema Toscana e CNA Giovani Imprenditori Toscana.

La mattinata ha visto un panel sul tema Banda larga, new media, comunicazione, social network e innovazione introdotto da Mirko Lalli e moderato da Andrea Di Benedetto. Mirko Lalli ha introdotto con il tema del Digital Divide e del Divide Culturale illustrando come in Italia ancora ci siano delle difficoltà nel percepire la rete come una vera e propria risorsa imprenditoriale e come la rete da gran parte dell’opinione pubblica e dei media mainstreem sia percepita come un luogo denso di rischi. Gli ospiti hanno offerto una veduta generale sul panorama imprenditoriale Toscano ed Italiano e su come, nonostante le difficoltà legate all’ambiente non troppo fertile, possano nascere realtà imprenditoriali interessanti.

Dopo due chiacchere con Nicola Mattina e Gianluca Dettori durante la pausa pranzo a base di panini, schiacciate e crostini con i migliori salumi toscani è iniziata la sessione pomeridiana con i workshop.

Gianluca Diegoli e Jacopo Pasquini (rispettivamente Minimarketing e Doctor Brand) hanno condotto il workshop Social mktg business illustrando brevemente le linee guida di base per un’efficace strategia social per piccole e medie imprese. Molte linee guida di base, molti esempi di errori comuni da evitare e qualche case study sul palco.

Infine Nicola Mattina ha condotto e moderato i 20 Ignite della giornata tra i quali segnalo Michele Barbera che ha parlato di Linked Open Data as a Service un servizio di gestione e distribuizione di dati, Davide d’Atri che ci ha parlato del progetto Soundreef e Silvia Mion che ci ha dato un pò di numeri interesantissimi sul progetto Zooppa.

La ciliegina sulla torta è stata l’interessantissima chiaccherata con i rappresentanti delle 2 più importanti Web Venture Capital Company Italiane, H-Farm e dPixel, rispettivamente rappresentate da Maurizio Rossi e Gianluca Dettori, i quali ci hanno le difficoltà e le possibilità che riscontrano nel loro difficile ma importantissimo lavoro.

Comments:

  1. Pingback: Stephen

  2. Pingback: max

Name (required)

Mail (will not be published) (required)

Website

Comment